VIENI AVANTI CRETINO di Furio Venarucci

luglio 6, 2013 No Comments

ASSEMBLEA COLDIRETTI: ABBIAMO AVUTO IL CORAGGIO DI FARE LE COSE GIUSTE E NON LE SEMPLICI MENTRE C’ERA CHI RIDEVA DEL KM ZERO. CRETINO CHI RIDE.

Recita così un comunicato lanciato da una nota agenzia di stampa specializzata in agricoltura e posso dirvi che pur non avendo mai riso del dramma dell’agricoltura italiana e di chi ne è il principale responsabile ribadisco qui che a me il Chilometro Zero mi ha sempre fatto piangere. L’ho detto in tutte le salse, l’ho scritto anche su questo blog, l’ho spiegato ai parlamentari che non conoscono i problemi dell’agricoltura, ma ne decidono le sorti, indicando dove sono i buchi di questo sistema che, organizzato così, non fa altro che mantenere le mille povertà della nostra agricoltura.

I più vecchi si ricorderanno del Progetto Aquila, del quale scriveva un giorno Alfonso Pascale “Nel frattempo, la Coldiretti di Lobianco tentò di  fronteggiare le novità proponendo il cosiddetto “progetto Aquila”, che apparve come una sorta di riorganizzazione dirigistica delle strutture economiche “bianche” intorno alla Federconsorzi. In realtà, esso aveva uno spessore culturale che andava oltre gli aspetti organizzativi ed esprimeva potenzialità e suggestioni in grado di coinvolgere tutta l’agricoltura italiana. Ma restò chiuso in se stesso perché chiusi rimanevano i consorzi agrari alle esigenze di rinnovamento, di ampliamento della base sociale, di integrazione con tutte le strutture economiche del settore, di individuazione dei nuovi servizi utili alle imprese agricole. La Coldiretti fu, così, investita da una crisi profonda, sotto i colpi del fallimento della Federconsorzi e del processo di frantumazione della DC. E solo da alcuni anni è riemersa, rinnovata in parte nella sua dirigenza, ma senza un disegno compiuto su cui rifondare la rappresentanza del settore.”

Poi venne Campagna Amica. Non ho idea se abbia mai goduto di incentivi pubblici e in fondo questo è irrilevante. La cosa che vorrei sapere è a chi vanno i benefici di questa enorme operazione commerciale priva di un senso logico agricolo ed anche economico visto che gli agricoltori, escluso qualche fortunato, vendono oggi ai prezzi di dieci anni fa, tutti al disotto dei costi di produzione. Quando, venendo a Roma, passo al bivio del golf davanti al carrettino degli ortaggi, sul quale sventola la gialla bandiera della Coldiretti, penso sempre: ma quanto potrà mai guadagnare l’agricoltore che sta su quella seggiola in attesa di chi passa? Ma veramente pensiamo che vendere qualche cassetta di frutta e verdura giustifichi il freddo, l’umidità, il caldo e il sudore che deve sopportare un povero cristo che come servizio igienico ha il bosco? A me questa cosa non fa ridere, fa, scusate il termine, incazzare. E poi chilometro zero cosa vuole dire? Che 100 consumatori fanno 2000 km per andare a comprare qualcosa che potrebbe farne 20 per arrivare in città? Insomma Marini avrà anche fatto le cose difficili,  ma visto come siamo messi in campagna, credo che se le sarebbe potute risparmiare. Avrebbe fatto meglio, invece che darsi al commercio, a fare quello che dovrebbe fare un sindacato che vuole rappresentare Imprese. Magari le avrebbe dovute tutelare meglio di quello che ha fatto, nonostante la enorme potenza che mostra muscolarmente ogni giorno. Ve la figurate Confindustria che si organizza un sistema commerciale gestito dalla Confederazione al quale le imprese aderiscono per la disperazione? Io non capirò nulla ma credo che si sia creato un mostro. La Coldiretti delle Marche leggo che si preoccupa delle vongole, altri leggo si occupano di Cooperative come se non ce ne fossero già abbastanza di novelli mazziniani che dicono di mettere capitale e lavoro nelle stesse mani e poi fottono tutti tranne direttori e presidenti, e poi  c’è chi promuove negozi, chi organizza viaggi e mille altre cose che potrebbero essere utili se la realtà in campagna fosse diversa. Ma la Coldiretti lo sa che il latte si vende in campagna sempre alle stesse misere, fottutissime 900 lire che incassavamo venticinque anni fa? Io magari non ci arrivo con il cervello ma a me questa cosa delle gialle bandiere al vento sa di fuffa. Come sanno di fuffa i comunicati giornalieri che ci raccontano che cosa ha scoperto Coldiretti quel giorno spaziando tra tutto lo scibile umano. Il lunedì di Pasqua scorso al TG delle 13 c’era una indagine Coldiretti che ci diceva come erano andate le presenze di quel giorno a pranzo (?). Se non è fuffa questa ditemi voi cosa è!! Personalmente quando vedrò gli agricoltori sorridere pensando al loro conto in banca ammetterò di avere sbagliato ma per il momento preferirei che i sindacati si occupassero di far sparire tutte le carte che ci seppelliscono e contrattassero una nuova ripartizione degli utili della filiera.

Mettersi a fare cooperative che alla fine sono uguali, e in qualche caso peggio, alla GDO privata,  non serve a nessuno specie agli agricoltori. E questo, ripeto, non mi fa ridere mi fa solo incazzare. Ma magari anche se non rido sono cretino ugualmente. Forse è per questo presiedo un sindacato che nel proprio statuto prevede che le cariche sindacali sono ricoperte a titolo non oneroso.

E meno male che, contrariamente ai suoi illustri predecessori, con me Marini non parla, altrimenti rischierei pure un …. “Vieni avanti cretino”!!!

ora basta per favore, sindacati agricoli

Leave a Reply

Bisogna effettuare il login per poter scrivere un commento.

Using Small Group Tours Cuba

Using Small Group Tours Cuba A cruise isn’t only about the ship. Planning a yearly holiday with adventure your...

Why Almost Everything You’ve Learned About Small Group Tours for Seniors Is Wrong and What You Should Know

Why Almost Everything You’ve Learned About Small Group Tours for Seniors Is Wrong and What You Should Know If...

Lies You’ve Been Told About Walking Vacations

Lies You’ve Been Told About Walking Vacations The Secret to Walking Vacations Some trips are suitable for beginners, while...

Foodie Galleries is necessary for every individual. Discover the Foodie Museums and galleries

Foodie Galleries is necessary for every individual. Discover the Foodie Museums and galleries Meals actually is vital to rather...

What is usually a inspiration essay and what exactly is it for?

Drive notice towards the university or college: tips for writing Candidates of americian academic institutions, also to the standard...

Go for brilliant topic for your essay

The best way to create an essay. Composing an essay, construction and crafting system An essay is capable of...

What is definitely an essay. Goal on the essay and it`s Classification

The right way to write Your one of a kind essay by all indicates. All about Essay From the...

Stuff you Should really Understand about Great Term Paper Subjects

Whenever you have ascertained that your thesis along with the overall structure of one’s own paper, you’re ready to...

Ruthless Cheapest Essay Writing Service Strategies Exploited

The procedure is rather uncomplicated. It really is incredibly simple in order to complete your assignments after you get...

The Cheapest Essay Writing Service Cover Up

Cheapest Essay Writing Service Ideas Whatever you have to do is set the order around the website. There’s no...

Shortcuts to Order Essay Online Only the Pros Know

The 30-Second Trick for Order Essay Online Effective writers utilize a number of kinds of paragraphs to help keep...

Order Essays Secrets That No One Else Knows About

The Argument About Order Essays If you’ve obtained two hours to compose the essay, by way of example, have...